martedì 23 settembre 2014

-Odogwu nwaanyi-

odogwu nwaanyi”



Ne ho assolutamente bisogno............. il bisogno è estremo come posso non averlo..................... come mai la strada è............... bisogno.......... bisogno............. devo andare lì che costano poco............. tanto ne ho ancora un po'.............. chi mi parla chi sta parlando............. sbirrame................ due euro una non è giusto......... casini un euro un euro un euro sto parlando o urlando o pensando...................... ne ho bisogno ma non capiscono...................... barcollando si va avanti............... ho perso cinque denti e li altri sono quasi marci ma a me non interessa................ dove è il giardinetto.............. il mio amico.............. barcollo in giro e non so dove sono esattamente l'effetto sta finendo................. uno mi viene addosso e mi schifa mi sa che puzzo........... ma sono libero................ nella mia terra è normale............ sirene mi stanno cercando............. non mangio da giorni............. nessuno............... lo stomaco brontola............ solo una per rimettere le cose in sesto.......................... una............ dove cazzo è il giardinetto.................. scavalcare......... mi strappo la maglietta lercia e i pantaloni anche loro lerci.................. ma sono a casa............. un attimo d'attesa e poi il paradiso.............. le vergini e tutto il resto............. il mio paradiso............ sono solo o in compagnia............... vedo il cielo....... non so dove sono sdraiato.............. non sento nulla.............. braccia aperte e gambe chiuse non sento nulla il nero più profondo.................. un attimo............. solo un altro attimo............ 

-130-

E siamo a centotrenta Cimici, wow, ok, basta farsi pugnette a due mani e buona lettura! ·          Di Maio vuole i vari osservatori del...